Monte Malpasso: scivolo nord-ovest (invernale)

100_9137 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: strada per Pratospilla

Dislivello: 500 m ca. (140 m ca. lo scivolo nevoso)

Durata complessiva: 3,30/4,30 h

Tempi parziali: strada per Pratospilla-base scivolo nord/ovest Monte Malpasso (1,15 h) ; scivolo nord/ovest-sommità Malpasso (40 min/1,30 h) ; sommità Malpasso-Passo Sasseda (40 min) ; Passo Sasseda-strada per Pratospilla (45 min)

Difficoltà: PD-/PD (in base alle condizioni) lo scivolo nord-ovest del Malpasso ; EEAI/F la discesa al Passo Sasseda ; EAI/EEAI la restante parte dell’itinerario

Attrezzatura: ordinaria da alpinismo invernale

Ultima verifica: febbraio 2019

Riferimento bibliografico: ANDREA GRECI “Appennino di neve e di ghiaccio, Vol 1 – Appennino Tosco-Emiliano – Settore Ovest” IDEA MONTAGNA 2014

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Lagrimone-Ranzano-Palanzano-Monchio-Trefiumi-Rimagna. Prima di Rigoso si imbocca a destra una strada asfaltata in direzione Pratospilla e si parcheggia l’auto in corrispondenza di una carraia che si stacca a sinistra (cartello) poco dopo la località La Bastia

mapStralcio della mappa dal sito: www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Lo scivolo nord/occidentale del Monte Malpasso offre una bella e piuttosto ripida salita su neve che, a seconda delle condizioni del manto nevoso e a causa dell’esposizione, potrebbe presentare passaggi di misto nella parte iniziale e tratti con ghiaccio vivo. Personalmente ritengo questa ascesa più impegnativa rispetto alla classificazione che ne è stata data e da affrontare con attrezzatura da alpinismo invernale.

Dal punto di partenza ci si incammina per ampia traccia (percorso CAI n° 701) che guadagna quota in moderata pendenza con qualche strappo piuttosto ripido, effettuando in seguito alcune svolte. Dopo una salita in direzione W, si approda sul dorso di una costa da cui, delle tre tracce che si presentano, si imbocca quella al centro (segnavia). Con andamento in piano/leggera discesa si raggiunge e costeggia una vasca di raccolta dell’acqua. Dopo quest’ultima il percorso svolta a sinistra, avanzando successivamente e per un breve tratto all’interno di un’area disboscata. Procedendo in moderata pendenza si effettua poi una curva a destra nella quale si ignorano a sinistra un paio di tracce. Dopo una salita in direzione SW/W si sbuca nei pressi della diga che chiude ad occidente il Lago Verdarolo1395 m (paletto con cartelli). Si prosegue a destra scendendo a guadare il sottostante rio per poi risalire per alcuni metri e attraversare a mezza costa la sponda boscosa che chiude a settentrione il lago. Giunti nei pressi di un’area picnic si svolta a destra e subito dopo a sinistra, raggiungendo successivamente un bivio in località Lago Scaliccia (il lago in questione è visibile sulla nostra sinistra poco prima del bivio). Da qui imbocchiamo a sinistra il percorso n° 703B che dopo un tratto in leggera salita conduce in un’area disboscata. Si prosegue con maggiore pendenza effettuando successivamente alcuni tornanti ed attraversando un rio. Si guadagna poi quota alla sinistra di quest’ultimo e, raggiuntolo nuovamente, si svolta nettamente a sinistra. Assecondando gli ottimamente posizionati segnavia sugli alberi si sale perlopiù in obliquo a sinistra, fino ad attraversare un solco e raggiungere il dorso di una costa. Da qui si piega a destra scendendo nella sottostante valletta che si segue passando a fianco di un grosso masso. Appena dopo si esce alla base del severo versante nord/occidentale del Malpasso, caratterizzato da un evidente canale (il “Canalino dei Mirtilli”) alla destra del quale si ergono fasce rocciose. Noi risaliamo liberamente il vallone in direzione di queste ultime, individuano, in corrispondenza della loro terminazione destra, un regolare scivolo nevoso la cui base è costituita da blocchi e affioramenti arenacei. Si inizia quindi l’ascensione superando la menzionata sezione formata da blocchi rocciosi: il primo muro lo si aggira a destra e con ripido passaggio ci si sposta subito a sinistra. Si continua poi direttamente superando altri passaggi ripidi e delicati, fino all’inizio vero e proprio dello scivolo nevoso. Questa parte risulta nel complesso non banale, anche per la presenza di ghiaccio vivo che rende la salita decisamente alpinistica. Si risale quindi il regolare scivolo nevoso la cui inclinazione è inizialmente di 40°, per poi aumentare ed assestarsi su pendenze tra i 45° e i 50°. Finita la parte più ripida, non resta altro che dirigersi e raggiungere la dorsale Parma/Massa che, seguita a sinistra, conduce alla vicina vetta del Monte Malpasso1714 m. Dopo una meritata sosta si inizia la discesa lungo il crinale orientale della montagna in direzione della sua terminazione. Si scavalca inizialmente una quota secondaria, continuando poi ad assecondare la panoramica dorsale spartiacque che proprio in questa sezione forma, in versante Parma, un avvallamento. Poco più avanti il percorso vira repentinamente a sinistra iniziando la discesa lungo il boscoso profilo N/NE della montagna. Assecondando gli ottimamente posizionati segnavia (segnaletica rifatta di recente) si discende la sezione più ripida effettuando anche alcune piccole svolte. Più in basso si esce al sommo di un aperto e ripido pendio nevoso che si discende puntando ad un segnavia, raggiunto il quale si piega a destra. Dopo un tornante sinistrorso si mette piede in un boscoso crinale approdando al vicino Passo Sasseda1479 m. Dal valico (paletto con cartelli) ci si dirige verso il non lontano Lago Scuro di Rigoso, avanzando a mezza costa e discendendo in obliquo la sponda boscosa che lo delimita ad oriente. Giunti nei pressi di una costa si vira a sinistra, scendendo poi al sottostante, magnifico specchio d’acqua, 1387 m, in corrispondenza della sua sponda N/NE. Da qui il percorso procede in lieve salita, allargandosi, una volta lasciatosi il lago alle spalle, ad ampia traccia. Giunti nei pressi del Lago Verdarolo, percorrendo a ritroso il tracciato seguito in salita, si ritorna al punto di partenza.

 

 

 

 

 

Annunci

Monte Malpasso: Canalino dei Mirtilli (invernale)

100_3406 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: strada asfaltata per Pratospilla

Dislivello: 500 m 

Durata complassiva: 4 h

Tempi parziali: strada per Pratospilla-Lago Verdarolo-La Scaliccia (45 min) ; La Scaliccia-inizio Canalino dei Mirtilli (30 min) ; inizio Canalino dei Mirtilli-sommità Monte Malpasso (40 min/1,15 h) ; sommità Monte Malpasso-crinale est-Passo Sasseda (45 min) ; Passo Sasseda-Lago Scuro di Rigoso-Lago Verdarolo-strada per Pratospilla (45 min)

Difficoltà: PD-

Attrezzatura: ordinaria da alpinismo invernale

Ultima verifica: gennaio 2018

Riferimento bibliografico: ANDREA GRECI “Appennino di neve e di ghiaccio, Vol 1 – Appennino Tosco-Emiliano – Settore Ovest” IDEA MONTAGNA 2014

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Lagrimone-Ranzano-Palanzano-Monchio-Trefiumi-Rimagna. Prima di Rigoso si imbocca a destra una strada asfaltata in direzione Pratospilla e si parcheggia l’auto in corrispondenza di una carraia che si stacca a sinistra (cartello) poco dopo la località La Bastia

 

mapStralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Bella salita su neve in un angolo molto suggestivo e selvaggio della parte più orientale del crinale Parma/Massa.

Dalla strada per Pratospilla si imbocca una carraia (percorso CAI n° 701) in direzione del Lago Verdarolo. Dopo un primo tratto in lieve salita si guadagna quota con maggiore pendenza effettuando alcuni tornanti. Approdati su una costa, si prende la traccia di destra che procede in leggera discesa, transitando poco più avanti a fianco di una vasca di raccolta dell’acqua. Appena dopo, ad un bivio, si piega a sinistra per mulattiera che procede in moderata salita. In corrispondenza di una netta svolta a destra si ignorano due tracce che si staccano a sinistra. Dopo un ulteriore tratto in leggera/moderata pendenza, si giunge nei pressi del Lago Verdarolo1395 m. Da qui (bivio con palina segnaletica) si piega a destra effettuando subito una breve discesa seguita da una salita, per poi costeggiare dall’alto la sponda settentrionale del lago. Giunti nei pressi di un’area pic-nic, si piega a destra e subito dopo a sinistra, continuando per l’ampia mulattiera fino a un bivio situato in località Lago Scaliccia1418 m (cartelli). Qui si imbocca a sinistra il percorso n° 703B che inizialmente asseconda in lieve pendenza l’ampio dorso di una costa boscosa. Giunti in un’area di bosco rado, si continua in più ripida e lineare salita (raramente sono presenti tracce di passaggio nella neve), per poi effettuare alcuni tornanti. Varcato un rio, si avanza per un tratto avendo il solco alla nostra destra, svoltando poi nettamente a sinistra. Si prosegue lungo il percorso principale tenendo d’occhio i puntuali segnavia sugli alberi, compiendo in seguito una svolta a sinistra onde attraversare un altro solco. Dopo aver valicato una costa boscosa, si approda in una suggestiva valletta che si segue in lieve salita. In breve si giunge ai piedi del ripido versante nord/occidentale del Monte Malpasso: la parete è incisa a sinistra da un ampio canale e a destra da uno più stretto che taglia in modo lineare le bancate di arenaria. Ci si dirige verso il canale di destra e, giunti sotto la sua direttrice, si incomincia a risalire il ripido pendio che lo precede. Una volta entrati nel canale vero e proprio, lo si risale con pendenza costante (40/45°; sia a destra quanto a sinistra sono presenti rocce dove poter attrezzare delle soste). Più in alto si raggiunge uno spuntone roccioso oltre il quale si affronta il ripido pendio di uscita. Approdati sul crinale divisorio, spostandosi a sinistra si raggiunge subito la cima del Monte Malpasso1714 m, dove ci si inebria di un grandioso panorama a 360°. Per la discesa si asseconda dapprima il crinale orientale (percorso n° 00), poi ci si cala lungo la dorsale settentrionale della montagna. Dalla sommità si segue quindi il panoramico crinale oltrepassando appena dopo una quota secondaria. Si continua comodamente lungo la dorsale spartiacque fino a penetrare, mediante netta svolta a sinistra, nella fitta faggeta. Assecondando gli ottimamente posizionati segnavia, si perde ripidamente quota effettuando anche alcune piccole svolte. Più in basso si sbuca al sommo di un pendio aperto che si discende puntando ad un segnavia, dal quale si svolta a destra e subito dopo a sinistra. Messo piede su un crinale boscoso, si raggiunge in breve al Passo Sasseda1479 m, da cui si seguono a sinistra i segnavia del sentiero n° 703. Avanzando inizialmente a mezza costa e in obliquo discendente, si lambisce poco più avanti il dorso di una costa boscosa, effettuando poi una netta svolta a sinistra. Dopo pochi minuti di discesa si approda nei pressi del suggestivo e appartato Lago Scuro di Rigoso1387 m. Dopo aver contornato e lambito la sponda nord-orientale del lago, si continua per ampia traccia dapprima in lieve salita, poi in leggera discesa. In breve si arriva al bivio situato nei pressi del Lago Verdarolo da cui, seguendo a ritroso il percorso effettuato in salita, si ritorna al punto iniziale.

 

 

 

Il Monte Malpasso e i suoi laghi

101_0054 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: strada asfaltata per Pratospilla

Dislivello: 550 m ca.

Durata complessiva: 4,00/4,15 h

Tempi parziali: strada per Pratospilla-Lago Verdarolo (40 min) ; Lago Verdarolo-Lago Scuro di Rigoso-Lago Verdarolo-bivio Lago Scaliccia (20 min) ; bivio Lago Scaliccia-Monte Malpasso (45 min/1 h) ; Monte Malpasso-Lago Palo (40 min) ; Lago Palo-Pratospilla-bivio Lago Scaliccia-Lago Verdarolo-strada per Pratospilla (1,15/1,30 h)

Difficoltà: E/E+ ; EE in presenza di tratti innevati e/o ghiacciati ; F in condizioni prettamente invernali

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo. In caso di neve e ghiaccio: picozza e ramponi

Ultima verifica: febbraio 2016

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Lagrimone-Ranzano-Palanzano-Monchio-Trefiumi-Rimagna. Prima di Rigoso, si imbocca a destra una strada asfaltata in direzione Pratospilla e si parcheggia l’auto in corrispondenza di una carraia che si stacca a sinistra (cartello) poco dopo la località La Bastia.

map (1)Stralcio della mappa dal sito: www.openstreetmap.org

Descrizione dell’itinerario

Interessante e insolito percorso che permette una conoscenza abbastanza approfondita dell’area del Monte Malpasso, 1707 m (la prima sommità della parte orientale del lungo crinale Parma/Massa). Di particolare interesse e fascino ambientale il Lago Scuro di Rigoso e il bellissimo Lago Palo.

Dalla strada per Pratospilla si segue un’ampia carraia contrassegnata n° 701 che procede inizialmente in leggera salita. Dopo una netta svolta a sinistra, la carrareccia diviene più ripida e compie successivamente un tornante verso destra. il percorso continua a guadagnare quota piuttosto ripidamente, conducendo infine ad un bivio su una costa. Qui si ignora a sinistra una carraia in salita e si prosegue per l’ampia traccia di destra. Dopo un tratto in leggera discesa, si giunge nei pressi di una piccola vasca di raccolta dell’acqua e si continua per mulattiera che svolta subito a sinistra. Nella successiva curva verso destra, si ignorano due tracce che si staccano a sinistra e si prosegue per il percorso principale. Dopo un’ultima non ripida salita, si giunge nei pressi del Lago Verdarolo, 1395 m. Dal paletto con cartelli si va a sinistra per ampia traccia, prima in leggera salita e poi in discesa, giungendo dopo pochi minuti al magnifico Lago Scuro di Rigoso, 1387 m. Piccolo e appartato, ospita alcuni tronchi fossili di abete bianco visibili nei periodi di secca. Si ritorna al paletto con cartelli nei pressi del Lago Verdarolo (chiuso nella sponda occidentale da una piccola diga eretta nel 1915) e si procede lungo il sentiero n°703 in direzione La Scaliccia. Dopo una breve discesa e successiva risalita si contorna dall’alto la sponda settentrionale del lago, giungendo poco più avanti ad un area pic-nic con panche e tavolo. Si continua per l’ampia traccia che poco dopo conduce ad un bivio (paletto con cartelli) in località Lago Scaliccia, 1418 m. Dal bivio imbocchiamo a sinistra il sentiero 703B che inizialmente risale una poco accennata costa boscosa. Successivamente si sbuca in un’area di bosco rado e si sale  piuttosto ripidamente per traccia più marcata. Dopo alcune svolte si attraversa un ruscello e si avanza tenendosi sulla sinistra di quest’ultimo. Il sentiero riconduce poco dopo in prossimità del ruscello per poi svoltare bruscamente a sinistra. Seguendo con attenzione i segnavia sugli alberi, si procede in moderata salita per il soprastante pendio boscoso fino a quando, con una svolta a sinistra, si attraversa un altro ruscello. Valicato il dorso di una costa, la traccia scende a destra entrando in un’appartata valletta che si risale in direzione dei vicini pendii nord-occidentali del Monte Malpasso. Giunti nella pietraia sottostante i canali che incidono questo versante della montagna, si piega a destra e si attraversa, restandone ai margini, un’ultima macchia di bosco. L’evidente sentiero risale poi il soprastante ripido pendio erboso, tenendosi appena a sinistra del limite del bosco. Dopo un’ultima faticosa salita, si giunge ad una caratteristica forcella collocata su una dorsale secondaria che dal crinale degrada perpendicolarmente verso valle. Procediamo a sinistra lungo la dorsale (all’inizio appena a sinistra del suo filo) ammirando notevoli visuali verso la sottostante Val Cedra. Poco prima del crinale spartiacque, la traccia piega a sinistra iniziando un traverso ascendente su ripido pendio che potrebbe risultare delicato in caso di neve e ghiaccio. In breve si arriva alla panoramica Sella Canuti collocata tra la Cima Canuti Orientale a ovest e il vicino Monte Malpasso a est. Dalla selletta ci si dirige verso quest’ultimo alla cui sommità giungiamo dopo aver percorso un breve tratto di crinale. Dalla cima (1714 m), da cui si ammira un grandioso panorama a 360°, ritorniamo sui nostri passi (prestando particolare attenzione al traverso scosceso) fino alla caratteristica forcella lungo la dorsale secondaria. Raggiuntala, si piega a sinistra (sentiero n° 703A) in direzione del ben visibile Lago Palo. Scendiamo inizialmente lungo un ripido canale (attenzione in caso di neve e/o ghiaccio) per poi piegare verso sinistra. Giunti nella sottostante pietraia, la traccia sembra perdersi: si deve puntare al vicino limite del bosco che si trova appena più in basso rispetto al punto in cui siamo. Tenendo il bosco alla nostra destra, pieghiamo a sinistra per traccia ora più marcata. In prossimità di un ruscello, svoltiamo decisamente a destra seguendo un ben evidente sentiero che poco dopo entra all’interno di un bellissimo bosco di faggi. In circa 10 minuti di cammino si raggiunge il Lago Palo, 1511 m, senza dubbio uno dei più suggestivi specchi d’acqua di tutto Appennino parmense. Di notevole interesse le verticali bancate di arenaria macigno che sovrastano ad est il lago, conferendogli un certo carattere alpestre. Si contorna a pelo d’acqua la sponda occidentale e si giunge ad un paletto con cartelli collocato nel limite settentrionale del lago. Il sentiero piega a sinistra penetrando all’interno di un bellissimo bosco che si attraversa inizialmente in leggera discesa e in piano. L’ottima traccia perde successivamente quota tagliando con alcuni tornanti una ripida sponda boscosa. Presto giungiamo nei pressi degli impianti di risalita provenienti dal vicino Pratospilla, mettendo piede sulla pista da sci. Scesi al vicino albergo e all’antistante grande parcheggio, si segue a destra un’ampia strada che effettua una curva a semicerchio. Appena prima di mettere piede nella strada di accesso a Pratospilla, si diparte sulla destra (paletto con cartelli) il sentiero n° 703 che imbocchiamo. La traccia procede in costante ma leggera salita attraversando poco più avanti una panoramica pietraia. Successivamente si avanza a mezza costa tagliando ripidi pendii boschivi, raggiungendo infine il bivio con il percorso n° 703B in località Lago Scaliccia. Da qui percorriamo a ritroso il tragitto effettuato in salita fino alla strada per Pratospilla.