RSS

Archivi categoria: Prealpi bresciane

Monte Maddalena: Sentiero Alpinistico Marina

101_0593 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Caionvico (BS) 150 m

Dislivello: 725 m ca

Durata complessiva: 4/4,15 h

Tempi parziali: Caionvico-attacco Sentiero Alpinistico Marina (20/25 min) ; Sentiero Alpinistico Marina-sentiero 1 (40 min/1 h) ; sentiero 1-sommità Monte Maddalena (1 h) ; Monte Maddalena-bivio sentiero 15 (40 min) ; sentiero 15- Grotta Tampa-sentiero 15-Caionvico (45 min)

Difficoltà: F (II°, passi di II°+ e uno di III°-) per il Sentiero Alpinistico Marina ; E (escursionistico) la restante parte dell’itinerario

Attrezzatura: ordinaria da arrampicata ; alpinisti esperti posso intraprendere la salita senza l’ausilio di alcuna attrezzatura specifica

Ultima verifica: febbraio 2016

Percorso stradale: Brescia-S. Eufemia-Caionvico 

Immagine (FILEminimizer)

Stralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org/#map=14/45.5350/10.2790

Descrizione dell’itinerario

Il Sentiero Alpinistico Marina, contrassegnato da frequenti e ben visibili segni di vernice rossa (bolli e frecce), si sviluppa lungo una successione di placchette e muretti, presentando difficoltà di II° e qualche isolato passo di II°+ III°-. Lungo la via non si trovano chiodi, ma considerando l’abbondanza di ancoraggi naturali offerti dallo splendido calcare lavorato da notevoli fenomeni di carsismo, nonché la facilità dei passaggi, non se ne sente la mancanza. Dopo la breve e facile arrampicata, è consigliabile il raggiungimento della sommità del Monte Maddalena, 875 m, che seppur molto antropizzato, offre, sapendole trovare, notevoli visuali panoramiche. Si sconsiglia vivamente di effettuare l’itinerario proposto nelle calde giornate estive e nei periodi di caccia.

Dal cimitero di Caionvico (collocato nella parte alta del paese), si imbocca una stradina che poco dopo diviene sterrata ed è affiancata da vigneti. Giunti ad un bivio (cartelli e indicazione per il sentiero alpinistico), si ignora a destra il percorso contrassegnato n° 15 (da cui torneremo) per seguire a sinistra un sentiero in direzione Casina Sella-Forte Garibaldi. Un breve tratto in leggera salita precede un altro bivio dove si svolta a destra (paletto con cartelli). Il sentiero, ottimamente contrassegnato da segni di vernice rossa, dopo un tratto in obliquo ascendente verso destra, compie una svolta a sinistra e sale ben ripido in direzione della ben visibile Croce di Caionvico. Prima di essa, ad un bivio, si continua a sinistra giungendo in breve all’attacco del Sentiero Alpinistico Marina (targhetta con foto incorniciata, scritta con l’indicazione “per alpinisti” e vasetto con piantina). Si scala una verticale e appigliata paretina a destra di una fessura (II°+) e si continua lungo facili rocce lasciando a destra una fessurina strapiombante. Fa seguito una successione di placche e muretti che si superano con divertente arrampicata (assecondando rigorosamente i bolli rossi occorre affrontare una breve placchetta che si supera con un passaggio, più che altro un movimento, di III°-). Giunti ad un cordone su clessidra, si traversa a destra in leggera esposizione e si continua scalando un’altra bella placca dotata di ottimi appigli (II°). Dopo una spaccatura orizzontale, il percorso si sposta verso destra presentando in sequenza un brevissimo traverso a destra, un verticale muretto (II°+) e una liscia placchetta fessurata (II°/II°+). Segue un tratto su roccette e sentiero che, con progressivo spostamento verso destra, conduce alla base dell’ultima balza. Si supera una bella placca sfruttando una rampa obliqua da destra a sinistra (II°). Un’ultima divertente placchetta (II°) conduce al termine delle difficoltà alpinistiche. I bolli rossi, dopo un tratto in cui si cammina su blocchi calcarei (notevoli fenomeni di carsismo), conducono all’interno di un rado bosco. La traccia avanza in leggera discesa immettendosi poco dopo nel sentiero n°1 che seguiamo a destra verso la sommità del Monte Maddalena. Il comodo e ben segnato sentiero oltrepassa un poggio e scende alla sottostante sella dove troviamo il bivio con il sentiero n° 15 (cartelli). Si continua lungo il percorso n° 1 e si risale la soprastante dorsale per poi spostarsi verso sinistra. Lasciata a sinistra una ripida scorciatoia, si piega a destra ritornando sulla dorsale, incontrando poco dopo un profondo pozzo (Bus de la Cavra). Un bellissimo e panoramico tratto di crinale orizzontale precede un bivio: proseguiamo diritto (andando a destra si raggiungerebbe ugualmente la sommità) e in ripida e faticosa salita si giunge ad uno stagno all’interno del bosco. Dopo un ulteriore e ripido strappo, si sbuca su una carrareccia che seguita a destra conduce ad un ristorante e alla strada asfaltata proveniente da Brescia. La sommità del Monte Maddalena è purtroppo molto antropizzata, non vi è una vera e propria cima da visitare. Chi desidera ammirare un notevole panorama può seguire, sulla destra del ristorante e a sinistra della soprastante stradina asfaltata, un sentiero con segni di vernice bianco-azzurri. Dopo una breve salita, si attraversa l’asfalto e si continua giungendo nei pressi di una costruzione diroccata. Oltre quest’ultima, si imbocca sulla destra un’ampia traccia che conduce ad un magnifico belvedere da cui si può ammirare un panorama grandioso. Per la discesa si segue a ritroso il percorso effettuato in salita fino al bivio con il sentiero 15 e lo si imbocca a sinistra. La traccia, dopo un tratto verso sinistra, inizia a scendere molto ripidamente (i segnavia sono piuttosto latitanti). Approdati all’interno del bosco, si svolta verso destra giungendo in prossimità di un pozzo cui fa seguito un bivio. Da qui è consigliabile una breve ma remunerativa digressione alla Grotta Tampa. Dal bivio si imbocca a destra un sentiero contrassegnato da segnavia bianco-azzurri che dopo un tratto all’interno del bosco esce all’aperto e attraversa un ghiaione. Lasciata a sinistra una traccia in discesa, ci si dirige molto ripidamente verso le soprastanti pareti dove troviamo la grotta formata da tre stanze su tre livelli. Ritornati al bivio di prima, si prosegue per il sentiero n° 15 in magnifico ambiente boscoso, continuando in seguito su carraia ormai in vista di Caionvico. Dopo alcune svolte, oltrepassiamo un cancello formato da due cavi d’acciaio e continuiamo per il sentiero affiancato a sinistra da una recinzione. In breve si ritorna al bivio iniziale e a Caionvico.

 

 

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su 22 febbraio 2016 in Alpinismo, Escursionismo, Prealpi bresciane

 

Tag: , , , , , , ,