RSS

Archivi categoria: Escursionismo

Monte Roccabiasca: anello dai Cancelli

100_4828 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Cancelli 1236 m

Dislivello: 800 m ca.

Durata complessiva: 4,30/5 h

Tempi parziali: Cancelli-Roccabiasca (1,30 h) ; Roccabiasca-bivio nei pressi delle Capanne di Badignana (40 min) ; bivio nei pressi delle Capanne di Badignana-bivio con il sentiero n° 715A (25 min) ; bivio con il sentiero n° 715A-Sella Brusà-Capanne delle Guadine-Passo delle Guadine (30 min) ; Passo delle Guadine-Sella dello Sterpara-Lago Santo-Cancelli  (1,30 h)

Difficoltà: E/E+

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: giugno 2018

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Bosco di Corniglio-Cancelli

 

mapStralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Magnifico anello in una delle più suggestive aree dell’intero Appennino parmense.

Dalla località Cancelli ci si incammina lungo la sterrata per i Lagoni procedendo in leggera discesa e costeggiando il confine della Riserva Naturale Guadine-Pradaccio. Dopo il ponte sul Torrente Parma delle Guadine, la carrareccia avanza in salita svoltando più avanti a sinistra e poi nettamente destra, iniziando così l’attraversamento dell’ampio e boscoso profilo settentrionale del Monte Roccabianca. Proprio qui, sulla destra, si diparte il sentiero n° 721 che imbocchiamo, procedendo inizialmente in moderata salita con alcuni tornanti. Lambito il boscoso crinale NW della montagna, segnato dalla recinzione della riserva naturale, la traccia piega a sinistra avanzando in obliquo in direzione S/SE. Poco più avanti si raggiunge un bel ripiano boscoso e si continua per l’ottimo sentiero progredendo in leggera salita nella stessa direzione di prima. Dopo una piazzola di carbonaia si incontra un ruscello che si varca e si prosegue transitando poco più avanti nei pressi di un’altra piazzola e di un grosso e caratteristico masso. Poco dopo si attraversa un secondo ruscello, continuando lungo l’evidente percorso all’interno di un ambiente boschivo di rara bellezza. In seguito la traccia guadagna quota assecondando il dorso di una costa, per poi piegare a sinistra avanzando ancora in direzione S/SE. Usciti dal bosco si attraversa un bel pendio panoramico, incontrando appena dopo un bivio dove si ignora una traccia non segnata che si stacca a sinistra. Noi invece proseguiamo a destra salendo in direzione W, avendo come riferimento, oltre i segnavia, una fascia rocciosa situata alla nostra destra. Dopo aver effettuato un paio di tornanti si penetra nuovamente nella vegetazione e si guadagna quota piuttosto ripidamente compiendo un tornante destrorso. Appena dopo si raggiunge una radura dove la traccia piega a sinistra (paletto con segnavia) e prosegue attraversando una breve fascia boscosa. Si continua a guadagnare quota per sentiero “intagliato” tra cespugli di mirtillo, fino ad uscire definitivamente dalla vegetazione ormai in vista della non lontana sommità del Monte Roccabiasca. Raggiunto un bivio (cartelli) si piega a destra avanzando verso ovest, tagliando così tutto l’ampio profilo settentrionale della montagna. Raggiunto il suo bordo nord-occidentale lo si asseconda e, dopo un’ultima panoramica ed aerea salita, si guadagna la stupenda cima della Roccabiasca1730 m. Dalla sommità si ritorna al bivio  incontrato in precedenza e si continua in direzione delle Capanne di Badignana. Si scende inizialmente lungo una costa tenendosi appena a destra del limite della vegetazione, per poi piegare nettamente a destra perdendo quota piuttosto ripidamente. Più in basso si incomincia un bel traverso a mezza costa sotto le spettacolari bancate arenacee che caratterizzano questo versante della montagna. Poi si piega a sinistra scendendo ancora per un breve tratto, raggiungendo lo sbocco di un ampio canalone che sale a destra. Attraversata una piccola pietraia si penetra nel bosco seguendo la traccia che dopo una curva a destra e una breve salita porta ad attraversare un’altra e più ampia pietraia sotto caratteristiche placche. Rientrati nel bosco si asseconda in lieve salita il dorso di una costa giungendo poi in un bel ripiano boscoso. Più avanti si discende una prima radura con massi e, dopo un breve tratto all’interno del bosco, si sbuca sul margine superiore di un’altra radura. Dopo qualche metro occorre piegare nettamente a destra (segnavia sbiadito su un masso) scendendo per poco e virando poi a sinistra (altro segnavia più evidente). Si effettuano due piccoli tornanti e si rientra nella faggeta seguendo l’evidente sentiero che poco più avanti attraversa una traccia trasversale. Il percorso dopo un’ampia curva a destra attraversa un rio, conducendo infine ad un bivio (paletto con cartelli) a poca distanza dalle Capanne di Badignana1479 m. Qui si imbocca il percorso n° 719 in direzione del Passo delle Guadine, procedendo in leggera/moderata pendenza ed effettuando alcuni tornanti. Dopo un tratto a mezza costa in direzione ovest, il sentiero compie altri tornanti tagliando lisce lastre rocciose. Rientrati nella faggeta si attraversa un ruscello salendo per alcuni metri alla sua destra, per poi varcarlo una seconda volta. Dopo un tratto in direzione est in cui si attraversa un altro ruscello, si guadagna quota con maggiore decisione all’interno di un ambiente boschivo di rara bellezza. Usciti dalla vegetazione si incontra un bivio dove si ignora a sinistra il sentiero n° 715A per la Fontana del Vescovo e si prosegue diritto attraversando una bella pietraia. Per magnifico sentiero a mezza costa si raggiunge in breve la Sella Brusà1645 m, dove a destra inizia la spettacolare cresta sud della Roccabiasca. Continuando lungo il percorso n° 715 si incontra poco dopo un bivio: andando a sinistra, in circa 10 minuti di cammino, si arriverebbe al Passo delle Guadine. Noi invece prendiamo la traccia di destra (n° 719B) in direzione delle Capanne Guadine, perdendo quota con alcuni tornanti per pendio erboso sulla destra di un crinaletto. Più in basso il poco evidente sentiero procede in direzione W e SW conducendo nei pressi di un ruscello. Qui la traccia piega a destra e scende lungo la sponda destra orografica del corso d’acqua, che si varca poco più in basso. Avanzando in lieve discesa verso NW si raggiunge un altro ruscello, oltre il quale si attraversa un tratto con vegetazione particolarmente invadente. Appena dopo, sul dorso di una costa, incontriamo i suggestivi ruderi delle Capanne delle Guadine 1589 m. Da qui per traccia molto più lineare anche se poco evidente, assecondando una poco marcata costa, si raggiunge in costante salita il Passo delle Guadine 1687 m. Dal valico di crinale, situato tra il Monte Brusà a SW e il Monte Aquila a NE, si prosegue lungo il sentiero n° 719 in direzione della Sella dello Sterpara e di Lago Santo. Il percorso è evidentissimo e non abbisogna di particolari spiegazioni: si procede sempre a mezza costa ai piedi degli erbosi pendii settentrionali del Monte Aquila. Dopo l’attraversamento di un ruscello si penetra nella faggeta e si prosegue lungo il sentiero prestando attenzione ai segnavia sugli alberi. Con percorso che avanza in leggera salita si raggiunge infine la Sella dello Sterpara, dove verso nord inizia la lunga sequenza di risalti dell’omonima cresta. Dal valico si segue l’evidente e ampio sentiero immettendosi, dopo dieci minuti scarsi di cammino, nel percorso n° 723. Lo si segue a destra ignorando al successivo bivio il percorso n° 729 diretto alla Capanna Braiola, svoltando invece a destra per sentiero che scende costeggiando una caratteristica lastra rocciosa. Dopo una curva a sinistra si esce temporaneamente dal bosco e si perde quota mediante un paio di tornanti. In costante discesa all’interno della faggeta si raggiunge infine la sponda sud/occidentale del Lago Santo nei pressi della vecchia peschiera. Da qui si seguono i recenti segnavia bianco/rossi costeggiando tutta la sponda meridionale e orientale del lago. Dopo il guado del Torrente Parma di Lago Santo si mette piede nella mulattiera (percorso CAI n° 723A) diretta a Lagdei, che si segue solo per pochi minuti. Al primo bivio, infatti, la si abbandona imboccando a destra il Sentiero delle Carbonaie (percorso CAI n° 723B). Dopo la prima salita si svolta a sinistra procedendo a mezza costa in lieve pendenza e in piano. Lambito il margine superiore di panoramiche pietraie si continua in leggera salita all’interno della faggeta, transitando alla base di un caratteristico risalto di arenaria. Poco dopo mediante svolta a destra si raggiunge l’ampio dorso boscoso del Monte Sterpara che si discende effettuando alcuni tornanti. Con spostamento a sinistra si entra in un rimboschimento a conifere, e dopo altre svolte si raggiunge il bivio con sentiero n° 723B che si stacca a sinistra. Noi proseguiamo a destra per ampia e bella mulattiera che procedendo in direzione est attraversa alcune piazzole di carbonaia. Più avanti il percorso svolta nettamente a sinistra e con breve ma ripida discesa conduce ad un ripiano boscoso. Si continua a perdere quota lungo il ben incavato sentiero fino ad effettuare una netta curva a sinistra oltre la quale il tracciato procede in piano a mezza costa parallelamente alla sottostante carrareccia diretta ai Lagoni. Poco più avanti si piega a destra e, dopo un ultima discesa per sentiero a tornanti, si raggiunge la località Cancelli, punto di partenza della nostra escursione.

 

 

 

Annunci
 

Tag: , , , ,

Il Monte Fuso da Querceto

100_4694

Punto di partenza/arrivo: S.P. 80 nei pressi del bivio per Querceto

Dislivello: 720 m ca.

Tempi parziali: S.P. 80-Parco faunistico Monte Fuso (1 h) ; Parco faunistico-cippo Monte Fuso (45 min) ; cippo Monte Fuso-incrocio a quota 812 m (30 min) ; incrocio a quota 812 m-costa a quota 810 m (25/30 min) ; costa a quota 810 m-Gulghino (30 min) ; Gulghino-Parco faunistico-Querceto-S.P. 80 (1,20 h)

Durata complessiva: 4,30/4,45 h

Difficoltà: E

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: giugno 2018

Accesso stradale: Parma-Traversetolo-Neviano degli Arduini-Sasso-Scurano-Ruzzano. Da quest’ultima località si continua lungo la S.P.80 in direzione di Lagrimone solo per poco. Infatti, individuata a destra la stradina cementata per Querceto (N° civico 9), si abbandona l’auto in un qualche spiazzo a sinistra della carreggiata (scarse possibilità di parcheggio)

0001 (FILEminimizer)Mappa escursionistica del Monte Fuso

 

Descrizione dell’itinerario

Interessante escursione nel versante Enza del Monte Fuso. La carraia che da Querceto conduce al Parco faunistico è purtroppo percorsa da mezzi d’esbosco, moto da cross e fuoristrada. Per questo motivo risulta in diversi tratti alquanto fangosa e con profondi solchi, rendendo il cammino, nonostante la bellezza dell’ambiente boschivo in cui ci si trova, a volte poco gradevole.

Dalla S.P. 80 si imbocca a destra (cartelli) una stadina, inizialmente cementata, che conduce alla casa isolata di Querceto618 m. Appena oltre la costruzione, l’ampia traccia svolta a destra conducendo ad un bivio in corrispondenza di un tornante destrorso. Ignorata una carraia che si stacca a sinistra, continuiamo per il percorso principale (contrassegnato n° 761) effettuando appena dopo una curva a sinistra. Si avanza in direzione NE, superando uno strappo piuttosto ripido e procedendo in seguito in leggera discesa. Aggirata mediante curva a sinistra una costa boscosa, si entra nella valle delimitata dal Monte Faino ad ovest e dal Monte Lavacchio a est, e si continua per il percorso principale che guadagna quota in moderata pendenza. Senza possibilità di errore (ad un bivio si prosegue a destra) si raggiunge il limite inferiore di un’area orribilmente disboscata dove si ignora a sinistra una traccia di esbosco. Si continua invece a destra per carraia infangata contornando tutto il margine inferiore dell’area disboscata. Dopo una presa d’acquedotto, è necessario compiere una ripida e poco piacevole salita per carraia alquanto rovinata dai fuoristrada. Poco più in alto si passa a fianco di una suggestiva parete strapiombante con presa dell’acquedotto e si prosegue per l’ampio tracciato effettuando in seguito un paio di tornanti. Dopo l’attraversamento di un’altra area disboscata e appena prima di un ruscello, ci si immette in un’altra carraia (cartello) che si segue a destra. Appena dopo, mediante netta svolta a destra, si varca un secondo ruscello, costeggiando in questo tratto un notevole muro a secco (situato alla nostra sinistra) e passando a fianco di una costruzione diroccata (alla nostra destra). Confluiti in una carraia, la seguiamo a destra avanzando in piano, raggiungendo in questo modo il sommo della valle la cui sponda sinistra orografica abbiamo risalito. Qui incontriamo il bivio con il percorso n° 762A proveniente da Scurano, oltre il quale si approda nel piazzale antistante il Parco faunistico del Monte Fuso886 m. Si segue la strada asfaltata a sinistra per pochi metri e la si abbandona imboccando una mulattiera contrassegnata n° 761A (cartelli). Al primo bivio si ignora a sinistra una traccia inerbita (che conduce ad una casa) e si prosegue per la mulattiera selciata delimitata da muretti a secco. Poi il tracciato si restringe a sentiero che si segue temporaneamente fuori dal bosco. Poco dopo ci si inserisce in una carraia che si prende a sinistra avanzando in piano, notando alla nostra destra altri interessanti esemplari di muretti a secco. Giunti nei pressi di un’area disboscata, si incontra un bivio (cartelli) dove si prosegue a destra, avanzando in salita lungo il margine sinistro dell’area. Al bivio successivo si prende a destra (freccia segnaletica gialla con il n°1) e dopo breve salita si mette piede nella strada asfaltata che si segue a sinistra. Dopo alcuni minuti di cammino, in corrispondenza di una curva a sinistra della strada, si stacca a destra uno stradello che si imbocca piegando subito a sinistra (cartello). Si guadagna quota per bellissimo sentiero che inizialmente asseconda una notevole stratificazione di arenaria del tipo della Pietra di Bismantova (ne incontreremo altre nel prosieguo dell’escursione). Poco più avanti si segue una costa boscosa, costeggiando successivamente il margine destro di una bella radura. Poi il sentiero si impenna e, in moderata pendenza con alcune svolte, conduce alla sommità del Monte Fuso1115 m, caratterizzata da un cippo eretto nel 1901. Dalla cima si scende a destra seguendo l’ampia mulattiera che asseconda il crinale della montagna (percorso CAI n° 761-763). Poco più in basso si passa a fianco di un magnifico balcone panoramico, punto di decollo per i voli con il parapendio, da cui si ammira una visuale davvero grandiosa. Al bivio successivo si prosegue a sinistra lungo il sentiero di crinale, lasciando a destra la continuazione dell’ampia traccia seguita fino a questo momento. Si perde quota lungo l’ottimo sentiero raggiungendo più in basso, nei pressi di un rimboschimento a conifere, un bivio (cartelli) dal quale il percorso n° 761 si sposta a destra (appena dopo il bivio possiamo notare un interessante cippo confinario). Noi continuiamo a seguire il percorso di crinale, sempre evidente e ben segnato, fino ad uscire temporaneamente dal bosco al sommo di una bella e panoramica radura che si attraversa. Rientrati nella vegetazione, si scende ancora per un breve tratto, raggiungendo infine un incrocio (cartelli) a quota 812 m. Da qui il sentiero segnato continua a sinistra aggirando la dorsale del monte; noi invece proseguiamo a destra per mulattiera contrassegnata da sporadici bolli di vernice gialla, paletti e frecce segnaletiche dello stesso colore. Seguendo un sentiero in leggera discesa (piuttosto infrascato nella stagione estiva) si esce poco più avanti dal bosco in corrispondenza del margine inferiore della radura che in precedenza abbiano attraversato al suo sommo. Per tratturo abbastanza evidente nonostante l’erba alta, si attraversa tutto il limite inferiore del campo fino a compiere una svolta a sinistra all’interno di un piccolo avvallamento. Subito dopo si piega a destra (freccia segnaletica di colore giallo seminascosta dalla folta vegetazione) e si continua per sentiero marcato a mezza costa. Dopo una curva a destra si costeggia con andamento pianeggiante il margine inferiore di un’altro campo, ignorando poco più avanti una traccia che sale a destra. Il percorso effettua poi una netta svolta a sinistra costeggiando un notevole e antico esemplare di muro a secco. Si prosegue per la pianeggiante mulattiera avanzando ai lati di altri campi e radure, per poi salire leggermente compiendo alcune svolte. Più avanti il tracciato, delimitato a sinistra da una recinzione, confluisce in una carrareccia (l’accesso ad una casa) che va seguita a destra. Si procede in leggera salita avendo a destra una radura e a sinistra un poggetto boscoso. Ignorata a destra una carraia in salita, si abbandona appena dopo il percorso che stiamo seguendo, continuando diritto su ampia traccia che in breve conduce ad un bivio in corrispondenza di una costa boscosa (810 m). Delle due mulattiere che si staccano a destra, si prende preferibilmente quella di destra (si può seguire anche l’altra) che poco dopo piega a sinistra spegnendosi in una carraia. La seguiamo a sinistra per pochi metri rinvenendo a destra la continuazione del vecchio tracciato. Si guadagna quota camminando su notevoli stratificazioni arenacee che potrebbero sembrare a prima vista un selciato costruito dall’uomo. Giunti ad un bivio (paletto con freccia di colore giallo) si va a destra e si sale per ampia traccia, incontrando poco più in alto un incrocio dove si tira diritto. Il percorso svolta subito a sinistra (a destra si ignora una carraia inerbita) e procede in moderata pendenza assecondando altre interessanti stratificazioni arenacee. Giunti in corrispondenza di una recinzione con cancello a destra, il tracciato svolta repentinamente a sinistra e sale costeggiando la menzionata recinzione. Dopo una curva a destra si guadagna quota nei pressi del margine sinistro di un campo e si avanza ancora per un tratto in moderata pendenza. Confluiti nella carraia abbandonata a quota 810 m, che ora si presenta per un tratto cementata, la seguiamo a destra (il cemento lascia poi posto allo sterrato) raggiungendo in breve un bivio (a sinistra si nota una piccola costruzione diroccata) dove a destra si stacca un’altra carraia. Proseguiamo diritto virando appena dopo a sinistra ed avanzando in leggera discesa. Si oltrepassa una sbarra e si raggiunge poco più avanti un ripiano in mezzo a bosco dove il percorso piega a destra. Delle due tracce che si presentano, prendiamo quella di sinistra mediante la quale effettuiamo subito una svolta in questa direzione. Poco più avanti si taglia un sentiero per le MTB e, dopo una curva a destra, lo si riattraversa nuovamente. Si raggiunge in breve un evidente incrocio (cartelli) dove prendiamo a sinistra la mulattiera per Gulghino. Si scende lungo l’antico tracciato che asseconda per un tratto un’incredibile lastra d’arenaria. Osservando gli splendidi muretti a secco ed effettuando alcune svolte, si giunge ad un bivio (cartelli) a poca distanza dal nucleo agricolo. Proseguendo diritto si raggiungono le case diroccate situate nei pressi di un’ampia e magnifica radura. Ritornati sul percorso principale lo si segue in costante discesa penetrando più in basso in una valletta. La vecchia mulattiera prosegue lungo la sua sponda destra ed avanza prima in leggera discesa, poi in lieve salita ed infine a saliscendi. Approdati nella strada asfaltata proveniente da Scurano in corrispondenza di un suo tornante destrorso (nel senso di salita), la seguiamo a sinistra raggiungendo in meno di 10 minuti il Parco faunistico. Da qui si ritorna a Querceto seguendo a ritroso lo stesso percorso effettuato in salita.

 

 

 

 

Tag: , ,

Monte Navert: anello da Casarola

100_4440 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Casarola 996 m

Dislivello: 687 m ca.

Tempi parziali: Casarola-sella quota 1251 m (50 min) ; sella quota 1251 m-Monte Navert (1,10 h) ; Monte Navert-Pian del Monte (40 min) ; Pian del Monte-Grammatica (1,30 h) ; Grammatica-Casarola (50 min)

Durata complessiva: 5/5,15 h

Difficoltà: E

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: giugno 2018

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Corniglio-Sivizzo-Riana-Grammatica-Casarola

map (1)Stralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Quella proposta è certamente una delle più interessanti e complete escursioni dell’intero Appennino parmense. In questo percorso si ha la possibilità di visitare luoghi di impareggiabile bellezza e preziosità, come il pianoro prativo di Pian del Monte e il Bosco delle Fate (splendido castagneto ai piedi del Groppo Sovrano). La segnaletica CAI lascia molto a desiderare, tuttavia l’itinerario nel suo complesso non pone problemi di individuazione del giusto percorso.

Da Casarola si imbocca uno stradello (Via Attilio Bertolucci) che sale a fianco di una casa ed effettua poco sopra una netta svolta a destra. Ignorato a sinistra un viottolo di accesso ad un’altra casa, si prosegue diritto compiendo una curva a sinistra. Al successivo bivio si continua a destra per bella carraia pianeggiante che si segue tralasciando a sinistra una traccia in salita (cartelli in legno del Sentiero Natura e Cultura). Più avanti il percorso costeggia spettacolari pareti di arenaria stratificata (a destra si stacca il Sentiero Natura) per poi iniziare a guadagnare quota in moderata pendenza con qualche strappo un po’ più ripido. Senza possibilità di errore si giunge nei pressi di una bella radura con fonte-abbeveratoio, incontrando poco più avanti un bivio dove da sinistra si innesta una carraia proveniente dal Passo di Riana, contrassegnata n° 737 (è il segnavia che ci accompagnerà fino in cima al Navert). Appena dopo il bivio si affronta una ripida salita raggiungendo in breve un altro bivio dove si prosegue diritto/sinistra (cartelli). Si avanza comodamente con alcuni saliscendi ammirando, nell’altro lato della valle, una spettacolare parete di arenaria che ricorda in piccolo il Groppo Sovrano. Quando l’ampia traccia piega nettamente a sinistra, noi la seguiamo ignorando una mulattiera inerbita che prosegue diritto. Dopo una breve salita per carraia alquanto dissestata all’interno di un’area disboscata, si approda ad una selletta sul crinale Bratica/Cedra a quota 1251 m. Dal passo si prosegue a destra lungo il sentiero di crinale in direzione della sommità del Monte Navert. Inizialmente il percorso asseconda il filo della boscosa dorsale spartiacque, per poi avanzare in versante Bratica. Poco più avanti si presenta un bivio dove si prende il sentiero di destra (segnavia) che sale per un breve tratto piuttosto ripidamente tenendosi sulla destra rispetto il filo della dorsale. In seguito una salita a sinistra riconduce sul crinale divisorio che si valica procedendo in versante Cedra. Giunti ad un bivio non particolarmente marcato (segnavia sbiaditi e cartello dell’ippovia) occorre piegare a destra salendo ripidamente verso il dorso del crinale, dal quale spostandosi brevemente a destra (cartello) si esce temporaneamente dal bosco al sommo di panoramici pendii prativi. Qui giunti, guardando a destra, si nota un poggetto erboso: consiglio vivamente di raggiungerne la sommità da cui si ammira una notevole visuale sulle sottostanti valli Bratica e Cedra. Si prosegue lungo il percorso principale rientrando appena dopo nel bosco (breve tratto di sentiero non evidente) ed avanzando tendendosi nei pressi del dorso del crinale. Dopo un tratto aperto (notevoli visuali panoramiche) si continua in versante Bratica incontrando un bivio dove si prosegue a sinistra. Poco più avanti ci si sposta in versante Cedra e si avanza per bellissimo e panoramico sentiero notando più in basso alla nostra sinistra una valletta. Giunti a poca distanza dalla dorsale ovest del Navert (paletto con cartelli collocato sul crinale), si continua diritto rientrando nel bosco ed uscendone poco più avanti. Tralasciato a destra un sentiero si prosegue assecondando l’ampio crinale erboso ed attraversando l’ultima fascia boscosa. Oltre quest’ultima ci si trova alla base della ripida sezione di crinale che precede la sommità del Navert. Mediante traccia, inizialmente marcata poi pressoché inesistente, si risale ripidamente e faticosamente la dorsale ammirando notevoli visuali sulle ripide bancate arenacee che caratterizzano il versante meridionale della montagna. Raggiunta la magnifica sommità del Monte Navert1653 m, ci si inebria di un grandioso panorama a 360°. Dalla cima si attraversa in direzione NW tutto il magnifico pianoro sommitale assecondando la traccia del percorso n° 739. Rientrati nel bosco si avanza tenendosi nei pressi della dosale Parma/Bratica attraversando poco più avanti una bella radura. Oltre quest’ultima, una volta rientrati definitivamente nella vegetazione, si transita a fianco di straordinari esemplari di faggio dalle singolari forme contorte. Poi il sentiero piega leggermente a destra e poco più in basso a sinistra (attenzione ai segnavia), riportando nei pressi dell’ampio dorso del crinale. Dopo un’ultima discesa si approda ad una selletta a quota 1529 m da cui si prosegue diritto. Mediante ampio ed evidente sentiero si avanza in leggera salita all’interno di una faggeta che ha pochi eguali in fatto di bellezza. Effettuando anche alcune svolte e restando quasi sempre nei pressi della dorsale spartiacque, si esce dalla vegetazione approdando in magnifiche radure. Siamo nel ripiano prativo conosciuto come Pian del Monte1578 m, luogo di una certa importanza per i valligiani: sembra che un tempo vi si tenesse un mercato estivo. Dopo un’eventuale sosta ad un piccolo rifugio/bivacco situato poco più in basso e a destra rispetto il tracciato che stiamo seguendo, si continua attraversando il ripiano prativo fino ad un bivio non segnato da cui si abbandona a destra un’ampia traccia che scende verso Riana. Noi invece proseguiamo diritto/sinistra per ottimo sentiero che rientra nel bosco uscendone poco più avanti. Ora il percorso segnato piega nettamente a sinistra verso la cima del poggio erboso chiamato Groppo Fosco1585 m, da cui è possibile ammirare una notevole visuale dell’Alta Val Parma con il suo circondario di montagne. Dalla sommità la traccia, non particolarmente marcata, piega leggermente a destra procedendo in direzione NW verso il vicino limite del bosco. Raggiunto quest’ultimo, si effettua una netta svolta a destra immettendosi in un’ampia mulattiera che si segue a destra scendendo inizialmente verso E/NE, poi N. Il percorso (si tratta dell’antico accesso ai pascoli di Pian del Monte) procede in modo lineare (ad un bivio segnato si lascia a destra una traccia per Pian del Monte) tenendosi in prossimità dell’ampia dorsale spartiacque. Più avanti il tracciato avanza sulla destra rispetto il dorso del crinale divisorio, aggirando in questo modo la boscosa sommità del Monte Quadro. La mulattiera/carraia raggiunge più avanti il limite superiore di un’area disboscata ed effettua, oltre quest’ultima, una svolta a sinistra conducendo nei pressi di una radura dove da sinistra si innesta un sentiero proveniente dal Passo della Sisa. Noi proseguiamo diritto lungo l’antica direttrice, compiendo più in basso una svolta a sinistra ed approdando ad un bivio dal quale si ignora a sinistra un’ampia mulattiera per il Passo della Sisa. Seguiamo la carraia principale perdendo quota in direzione NE prima all’interno del bosco poi assecondando una panoramica costa. Dopo alcuni tornanti si raggiunge la caratteristica chiesa di Grammatica1008 m, mettendo piede nella provinciale Corniglio-Monchio che si segue a destra. Si effettua subito una netta svolta a destra costeggiando successivamente verticali pareti arenacee. Poco dopo si transita alla base di un singolare poggio parzialmente roccioso (il Groppo Torsello) varcando poi, mediante ponte, il Rio Acquabella. Oltre quest’ultimo si continua lungo la provinciale ancora per poco: infatti, dopo una maestà situata alla nostra sinistra, si scorge in lontananza un cartello. Qui giunti si abbandona la strada asfaltata imboccando a sinistra una mulattiera in discesa. Si tratta di un antico tracciato ancora ben conservato all’interno di un castagneto che ha pochi eguali in tutto l’Appennino parmense. Poco più avanti si transita nelle vicinanze di un essiccatoio diroccato e si continua comodamente lungo la mulattiera (guardando in alto a sinistra è possibile scorgere altre costruzioni in pietra). Dopo essere passati a fianco di un secondo essiccatoio si giunge ad un bivio da cui, ignorata a sinistra una traccia con cartello di divieto d’accesso, si prosegue diritto/destra. Una breve discesa conduce al magnifico Bosco delle Fate: si tratta di un ripiano boscoso punteggiato da diversi essiccatoi (pannelli esplicativi riportano poesie di Attilio Bertolucci) e da massi erratici. Dopo una consigliabile perlustrazione si prosegue per l’antica mulattiera, fiancheggiata da muretti a secco, passando a fianco dell’ennesima costruzione in sasso ancora ben conservata. Il tracciato, delimitato a sinistra da una staccionata, piega poi a destra e conduce ad un solco che si attraversa. Appena dopo si transita a fianco di una casa (il Molino di Riana) e si oltrepassa mediante ponte in legno un ramo del Torrente Bratica. Al successivo bivio si prende la traccia di sinistra giungendo nei pressi di alcune abitazioni. Oltrepassato anche il torrente principale, si procede per carraia che sale in direzione di Casarola. Dopo pochi minuti ci si innesta in uno stradello che si segue a destra in salita, piegando poi a sinistra onde entrare nel borgo antico di Casarola. lo si attraversa ammirando angoli suggestivi ed imboccando, nei pressi delle ultime case, una stradina in salita. Seguendo quest’ultima si raggiunge la chiesa del paese e, poco più in alto, la provinciale per Monchio.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag: , , , , ,

Il Monte Aguzzo da Grammatica

100_4217 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Grammatica 1008 m

Dislivello: 340 m ca.

Durata complessiva: 2,15/2,30 h

Tempi parziali: Grammatica-bivio quota 1238 m (30 min) ; bivio quota 1238 m-Passo della Sisa-Monte Aguzzo (45 min) ; Monte Aguzzo-Passo della Sisa-Grammatica (1 h)

Difficoltà: E

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Riferimento bibliografico: Daniele Canossini – LE VALLI DI PARMA E L’ALTA LUNIGIANA – l’Escursionista 2002

Ultima verifica: maggio 2018

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Corniglio-Sivizzo-Grammatica

mapStralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Stupendo anello alla scoperta di luoghi ormai dimenticati che in passato ebbero una certa importanza per i valligiani. Nell’introduzione di una relazione relativa ad un altro percorso in Val Bratica, mi è capitato di scrivere che in queste zone il tempo è come se si fosse fermato. Ebbene, la stessa magnifica sensazione la si prova nel percorre questo itinerario. In Val Bratica – così come in poche altre aree montuose – è possibile percepire il “senso” più profondo della montagna appenninica. La perla che arricchisce l’escursione proposta è una mulattiera che dal Passo della Sisa conduce a Grammatica. Si tratta di un antico tracciato che veniva utilizzato dai valligiani per raggiungere il crinale Bratica/Parma, e da qui spingersi fino alla dorsale prativa chiamata Pian del Monte, luogo di un antico mercato che si teneva nella stagione estiva. Consiglio a quei pochi interessati ad un simile itinerario di gustarselo metro dopo metro senza fretta, immergendosi in un’atmosfera dilatata dove il passato è una dimensione realmente percepibile.

Parcheggiata l’auto nella parte finale di Grammatica in direzione di Riana, ci si incammina imboccando una stradina (percorso CAI n° 739) che parte sulla destra della caratteristica chiesa del paese. Si guadagna quota piuttosto ripidamente effettuando alcune svolte, assecondando in seguito il panoramico dorso di una costa (ad un bivio si prosegue a destra in salita). Più avanti si penetra nel bosco e si continua lungamente per la bella carraia, raggiungendo infine un bivio a quota 1238 m (segnavia su un sasso a terra). Qui si abbandona il percorso segnato imboccando a destra un’ampia traccia che procede prima in piano poi in discesa. Oltrepassato un solco si effettua una netta svolta a destra e si avanza costeggiando dall’alto una radura il cui margine nord-occidentale si raggiunge in breve. Questo ripiano erboso ospitava in passato una coltivazione a cereali invernali come il grano marzaiolo da cui deriva il nome del luogo: Marzolare (cfr. Canossini). Continuando per l’ampia mulattiera si varca poco dopo un ruscello e si costeggia il margine inferiore un’altra splendida radura. Appena dopo si confluisce in un’ampia traccia che si segue a destra raggiungendo in breve il Passo della Sisa1211 m (poco prima si stacca a destra una mulattiera proveniente da Grammatica), storico valico di crinale e incrocio di diversi percorsi. Noi proseguiamo alla volta della sommità del Monte Aguzzo, imboccando il ripido sentiero che abbiamo di fronte. Dopo il primo strappo, la traccia, non segnata ma evidente, avanza assecondando il boscoso dorso del crinale spartiacque Bratica/Parma. Procedendo perlopiù in piano e leggera discesa, si esce poi dal bosco in corrispondenza di una magnifica costa marnosa (panorama stupendo). Qui il sentiero piega a destra e sale ripido ancora per un breve tratto all’interno del bosco, per poi uscirne ed effettuare un obliquo ascendente verso sinistra tagliando un ripido e friabile pendio di marne. Si prosegue lungo la traccia affrontando l’ultimo faticoso strappo che precede la sommità del Monte Aguzzo1324 m, caratterizzata da un palo in ferro residuo di una stazione radio risalente alla Seconda Guerra Mondiale (cfr. Canossini). Dopo una meritata sosta al fine di ammirare il grandioso panorama offerto dalla cima di questo monte, si ritorna al Passo della Sisa seguendo lo stesso percorso effettuato in salita. Dal valico si rientra a Grammatica percorrendo con immenso piacere una delle poche mulattiere storiche rimaste ancora intatte, scampata miracolosamente dalla distruzione ed invadenza operata da moto da cross, mountain bike, cartacce e pattume vario abbandonato da escursionisti cialtroni. Dal passo si prende quindi la traccia di sinistra procedendo in piano verso N/NE al sommo di radure arbustive. Poi il percorso svolta repentinamente a destra e perde quota in leggera discesa all’interno di un ambiente boschivo di rara bellezza. Poco dopo si esce in una piccola radura con affioramenti argillosi che si attraversa lungo il suo margine destro (guardando a destra si nota un notevole esemplare di antico muretto a secco). Rientrati nel bosco si continua a scendere per la splendida mulattiera inizialmente larga e molto incavata, poi più stretta ma sempre evidente (in alcuni punti è possibile notare ciò che rimane del selciato originario). Più avanti si raggiunge una panoramica costa marnosa che costituisce il sommo della sponda sinistra (orografica) della valletta formata dal Rio del Canalaccio. Si prosegue lungo la mulattiera raggiungendo in breve la strada provinciale della Val Bratica appena prima del paese di Grammatica. Si attraversa tutto lo splendido e antico nucleo fino alla chiesa del paese nei pressi della quale abbiamo parcheggiato l’auto.

 

 

 

Tag: , ,

Il Corno di Caneto

100_4090 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Caneto 571 m

Dislivello: 858 m

Durata complessiva: 4 h ca.

Tempi parziali: Caneto-Rifugio Bestianel (1,20 h) ; Rifugio Bestianel-Corno di Caneto (45 min) ; Corno di Caneto-Caneto (1,45 h)

Difficoltà: E

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: aprile 2018

Accesso stradale: Parma-Langhirano-Pastorello-Lagrimone-Ranzano-Palanzano. Da quest’ultima località si prosegue lungo la S.S. 665 ancora per poco. Infatti la si abbandona prendendo a destra (indicazione) una stradina che dopo aver oltrepassato il Cedra conduce alla frazione di Caneto.

 

img027 (FILEminimizer)

 

Descrizione dell’itinerario

Magnifica escursione alla scoperta di luoghi di grande fascino ambientale e panoramico. Il sentiero n° 751, nel tratto Rifugio Bestianel-Corno di Caneto, nonostante la nulla frequentazione e una segnaletica ormai quasi inesistente per incuria e menefreghismo, non pone, eccetto per un breve tratto, problemi di individuazione del giusto percorso.

Abbandonata l’auto nei pressi della chiesa di Caneto, ci si incammina per stradina asfaltata raggiungendo in breve un bivio dove si prosegue a destra. Si continua in salita attraversando tutta la parte alta del nucleo abitato, avanzando poi per carraia che effettua una netta svolta a sinistra (maestà sulla destra), entrando in questo modo nella valle formata dal Rio di Veronco. Al primo bivio si ignora un’ampia traccia che si stacca a destra e si prosegue per bella carraia che guadagna quota in moderata pendenza. Poco più avanti si transita nei pressi di una presa dell’acquedotto e si continua a salire effettuando alcuni tornanti. Più in alto si procede per un buon tratto a fianco di magnifiche radure arbustive, per poi piegare a sinistra rientrando progressivamente nel bosco. Raggiunto un bivio evidente (cartello), proseguiamo diritto in direzione del Rifugio Bestianel, ignorando a destra il sentiero per il Monte di Botta da cui torneremo. Seguendo il percorso principale si incontra un altro bivio, caratterizzato dalla presenza di un carretto arrugginito, dove si prosegue diritto/sinistra ignorando a destra un’ampia traccia in discesa. Si avanza in moderata pendenza effettuando alcune svolte, fino a raggiungere un ulteriore bivio da cui si continua a sinistra. Appena dopo si incontra l’ennesimo bivio dove si prosegue diritto/sinistra (sbiadito segnavia sulla destra appena dopo il bivio). Poco più avanti si raggiunge un’area di bosco rado dove è possibile notare, più in alto a destra, il Rifugio Bestianel. Si prosegue lungo la carraia ancora per poco e poi la si abbandona temporaneamente spostandosi a destra verso il rifugio, 1163 m. Dopo un’eventuale sosta si rimette piede nell’ampia traccia di prima e la si segue effettuando una svolta a destra. Appena dopo il tracciato si restringe a sentiero che si asseconda compiendo una curva verso destra, contornando in questo modo il margine superiore dell’area disboscata. Alla successiva svolta a sinistra, sul tronco di un albero a destra, si nota uno sbiaditissimo segnavia che ci conferma di essere nel giusto percorso. Messo piede su una magnifica e panoramica dorsale, la si asseconda per sentiero ben incavato fino a raggiungere un punto dove la traccia sembra perdersi. Guardando a destra si nota la continuazione del sentiero che tuttavia è per un tratto inglobato da arbusti spinosi. Si aggira a destra questa breve interruzione e si riprende la traccia principale che, spostandosi leggermente a sinistra, riconduce nei pressi della dorsale. Dopo l’attraversamento di un cancello si raggiunge una panoramica apertura dove la traccia piega nettamente a destra. Si continua ad assecondare la dorsale, passando a fianco di interessanti affioramenti arenacei (sbiadito segnavia a destra), per sentiero sempre marcato ed evidente. Dopo alcuni minuti di cammino si approda sulla sommità del panoramico poggio denominato La Penna1351 m, che offre notevoli visuali sul versante meridionale del Caio. Il sentiero prosegue assecondando quasi sempre, eccetto un breve tratto in cui si sposta a destra, la dorsale in direzione del crinale del Caio. Si affronta quindi l’ultimo ripido e faticoso strappo guadagnando infine la sommità del Corno di Caneto1428 m, da cui si ammira un grandioso panorama, in particolare sulla Val Cedra e le montagne del reggiano. Dalla cima si prosegue verso NW raggiungendo in breve la dorsale del Caio da cui si piega a destra lungo il percorso n° 734. Mediante ampia traccia si scende tagliando panoramici pendii prativi per poi continuare per rado bosco. Raggiunto un bivio (cartelli), situato in prossimità di un rimboschimento a conifere, si prosegue a destra avanzando per un tratto in leggera salita. Poco dopo il bel sentiero riporta nei pressi del filo della dorsale che asseconda per un tratto, per poi effettuare una netta svolta a sinistra conducendo all’interno di un altro rimboschimento a conifere. Sbucati in magnifici declivi prativi, si piega a destra raggiungendo in breve un bivio da cui si prosegue diritto in direzione del Monte di Botta e la Croce del Cardinale. Procedendo in leggera discesa si attraversa il margine superiore di splendidi pendii prativi che regalano visuali grandiose, continuando poi all’interno del bosco per largo sentiero che scende tenendosi nei pressi del filo della dorsale. Si continua per l’ampia mulattiera ancora per poco: infatti, nei pressi di un tornante sinistrorso, la si abbandona imboccando a destra un sentiero (segnavia) che conduce appena dopo ad un bivio. Qui si abbandona il sentiero segnato (diretto alla Croce del Cardinale) imboccando a destra un’evidente traccia non segnata (si tratta di un’antica mulattiera rimasta ancora incredibilmente intatta). Il percorso è molto evidente e non presenta bivi che possono trarre in inganno. Inizialmente si procede a mezza costa verso ovest ammirando grandiose visuali sull’Alpe di Succiso e il crinale Parma/Massa. Successivamente si perde quota effettuando diverse svolte e tornanti per sentiero sempre molto incavato ed evidente. Più in basso si riprende la direzione ovest e si varca un primo ruscello, per poi scendere a guadare il Rio di Veronco che proprio in questo punto presenta cascatelle e suggestive pozze. Oltre il guado si procede per un breve tratto in salita fino ad incontrare un solco asciutto che si attraversa. Appena dopo ci si ricongiunge con la carraia seguita all’andata tramite la quale si rientra a Caneto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag: , , , ,

Monte Fuso: anello da Sasso

100_2841 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: bivio per la Pieve di Sasso 670 m

Durata complessiva: 3,30 h

Tempi parziali: bivio per la pieve-costa a quota 810 m (1 h) ; costa a quota 810 m-cippo Monte Fuso (45 min) ; cippo Monte Fuso-bivio sentiero n° 760 (45 min) ; bivio sentiero n° 760-bivio per la pieve (1 h)

Difficoltà: E

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: gennaio 2018

Accesso stradale: Parma-Traversetolo-Neviano degli Arduini-Sasso. Da quest’ultima località si prosegue in direzione di Scurano parcheggiando l’auto in prossimità del bivio con la stradina asfaltata che conduce alla pieve romanica di Sasso.

Immagine (FILEminimizer)

 

Descrizione dell’itinerario

Interessante anello su sentieri evidenti ma pochissimo frequentati a livello escursionistico. Attualmente l’unica “fruizione” di questa notevole montagna del medio Appennino parmense sembra essere quella delle discese in MTB, con appositi sentieri riservati unicamente a questa attività. Il percorso suggerito permette di gustare le peculiarità di entrambi i versanti del Monte Fuso.

Dal bivio per la pieve romanica si imbocca nel lato opposto della strada un’ampia traccia contrassegnata CAI n° 763. Al primo bivio (cartelli) si piega a sinistra procedendo in più decisa salita effettuando alcune svolte. Successivamente si continua per ottimo sentiero, delimitato da una staccionata, che dopo un ripido strappo confluisce in una carraia. La si segue a destra, inizialmente in leggera discesa, giungendo poco dopo al bivio con il percorso n° 759A proveniente da Case Ruffaldi. Noi continuiamo a sinistra per ampia mulattiera che sale tenendosi nei pressi del dorso di una costa marnosa. Appena dopo si rientra nel bosco e si prosegue in moderata pendenza incontrando poco più in alto un cippo a ricordo dei partigiani. Dopo aver attraversato una piccola area disboscata, si inizia mediante svolta a destra l’aggiramento del dorso del crinale NE del Monte Fuso (notevoli esemplari di muretti a secco). Giunti ad incrocio in versante Enza, si abbandona il percorso n° 763 e si prosegue diritto per sentiero evidente contrassegnato da bolli di vernice gialla e alcune frecce segnaletiche. Poco più avanti si esce temporaneamente dal bosco per attraversare il margine inferiore di una bella radura seguendo un evidente tratturo. Penetrati in una piccola valletta, si abbandona la traccia che piega a sinistra in discesa e si prosegue diritto (freccia segnaletica gialla con il numero 4) per sentiero per procede in lieve salita. Con andamento pianeggiante si costeggia un’altra bella radura fino a compiere una netta svolta a sinistra in corrispondenza di un notevole muro a secco con massi di arenaria sistemati ad arte. Contornando quest’ultimo per un tratto, si avanza comodamente per la splendida mulattiera pianeggiante affiancata ai lati da campi e panoramici prati. Rientrati nel bosco, si prosegue per ampia traccia effettuando poco più avanti una svolta a destra, confluendo in breve in una carraia. La seguiamo a destra in lieve salita al margine di un’ampia radura alla nostra destra. Ignorata una ripida traccia che si stacca in questa direzione, si abbandona appena dopo la carraia su cui stiamo camminando nel momento in cui essa piega a sinistra in discesa. Proseguiamo diritto approdando quasi subito sul dorso di una costa boscosa a quota 810 m. Da qui si staccano a destra due tracce: noi imbocchiamo quella di destra che poco dopo confluisce in una carraia che si segue a sinistra per pochissimi metri. Infatti, appena prima che la traccia confluisca con il percorso abbandonato a quota 810 m, si scorge a destra la continuazione della vecchia mulattiera che seguiamo in moderata pendenza ammirando notevoli stratificazioni arenacee. Giunti ad un bivio, si prende la traccia di destra che dopo una salita piega a sinistra conducendo ad un incrocio. Proseguiamo diritto per ampia traccia che svolta subito a sinistra (si ignora un’altra carraia che si stacca a destra) e guadagna quota con fondo formato da altre stratificazioni arenacee. Giunti in corrispondenza di un cancello situato alla nostra destra, si prosegue a sinistra per carraia affiancata a destra da una recinzione. Si effettuano poi un paio di svolte, confluendo poco più avanti nella carrareccia abbandonata a quota 810 m, che ora si presenta cementata. La seguiamo a destra in salita, ignorando poco più in alto un’ampia traccia che si stacca a destra ed osservando alla nostra sinistra una piccola costruzione diroccata. Dopo una netta svolta a sinistra, si oltrepassa una sbarra, approdando appena dopo in uno spiazzo in mezzo al bosco. Guardando alla nostra destra si nota un muretto con pietre ricoperte da muschio che divide due tracce: noi seguiamo quella di sinistra che effettua subito una curva proprio in questa direzione. Il sentiero continua in lieve salita tagliando per un prima volta una traccia trasversale utilizzata dalle MTB, che si attraversa per una seconda volta dopo una curva a destra. Al successivo incrocio si prosegue diritto ignorando il percorso n° 761 che a destra sale alla dorsale del Fuso e a sinistra scende in direzione del piccolo nucleo chiamato Gulghino. Si continua per comodo sentiero che dopo uno strappo un po’ più ripido confluisce in una carraia. Andando a sinistra si raggiungerebbe la casa isolata chiamata l’Anna; noi invece proseguiamo a destra per ampia traccia che effettua subito una curva a sinistra e guadagna quota con fondo caratterizzato da altre notevoli stratificazioni arenacee. Si effettuano alcune svolte e si prosegue per il percorso principale (ad un bivio si prende la traccia di sinistra) che conduce, dopo un ultimo strappo, sulla dorsale del Monte Fuso. Seguendo a sinistra l’evidente sentiero di crinale (n° 763) si approda appena dopo in un balcone panoramico che costituisce il punto di partenza dei voli con il parapendio. Avanzando ancora per l’ampia mulattiera, si guadagna infine la sommità principale del Monte Fuso1115 m, caratterizzata da un cippo eretto nel 1901 (in realtà la quota più elevata della montagna, 1134 m, è situata poco sopra l’area denominata Prati Dolci). Dalla cima, mediante ottimo sentiero delimitato da una staccionata, si discende il sottostante pendio boscoso, fino ad approdare ad un bivio dove si ignora una mulattiera che si stacca a destra. Si prosegue diritto per l’ampia traccia di crinale che conduce in breve ad una sella a quota 1080 m. Qui si ignora a sinistra una carraia proveniente da Rusino e si prosegue a destra nel versante settentrionale della montagna. Poco più avanti si presenta un bivio (cartelli) da cui si piega a destra imboccando una mulattiera (CAI n° 761) in direzione di Campora Vezzano. Si perde quota effettuando diversi tornanti, contornando più in basso il limite superiore di un’ampia area disboscata. Dopo una curva a destra, si attraversa la base della menzionata area e si continua a scendere per l’ampia traccia che ora si fa più ripida. Effettuando altre svolte e prestando attenzione alla scivolosità del tracciato per la presenza di un folto tappeto di foglie che ricopre i sassi, si raggiunge in pochi minuti il bivio (cartelli) con il sentiero n° 760 che prosegue a destra. Lo imbocchiamo procedendo inizialmente in leggera discesa, per poi risalire lievemente e aggirare una costa boscosa. Poco più avanti ci si immette in un’altra e più ampia traccia che si segue a destra valicando un’altra costa. Oltre quest’ultima, si ignora il percorso che scende a sinistra e si prosegue a destra (segnavia) per sentiero. Al successivo incrocio si continua diritto procedendo a saliscendi per traccia ben segnata ma a volte non particolarmente incavata nel terreno. Poi si confluisce in una mulattiera che si segue a destra affrontando una ripida salita che precede una netta svolta a sinistra. Avanzando più comodamente, si raggiunge una costa dove il percorso svolta a destra assecondando in salita per un tratto il suo dorso. Raggiunto il soprastante bivio (ometto e segnavia), si prosegue a sinistra perdendo quota per evidente mulattiera, fino a transitare a fianco di uno spiazzo erboso con tavolo e panche. Si continua a scendere ancora per un tratto, raggiungendo poco dopo un bivio da cui si prosegue a destra per traccia pianeggiante. Approdati sul dorso di una costa marnosa, il percorso segnato piega a sinistra in direzione di Case Ruffaldi: noi invece proseguiamo a destra per ampia traccia che conduce poco più avanti nei pressi di un’area pic-nic situata più in basso alla nostra sinistra. Si prosegue per l’evidente mulattiera andando a destra al successivo bivio ed avanzando per traccia meno marcata. Il percorso poco dopo si riduce a stretto sentierino che procede pianeggiando e in leggera salita (ad un bivio si prende la traccia di destra) fino ad aggirare una costa. Oltre quest’ultima si deve attraversare un’area disboscata con vegetazione invadente in primavera/estate, confluendo infine nella mulattiera contrassegnata n° 763 percorsa in salita. Seguendo quest’ultima si fa ritorno in circa 20 minuti di cammino al bivio con la stradina che sale alla pieve romanica di Sasso.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag: , , , ,

Monti Cavalbianco e Asinara: anello da Ospitaletto

100_1977 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Ospitaletto 1135 m

Dislivello: 870 m

Durata complessiva: 5,30 h

Tempi parziali: Ospitaletto-Il Tornello (1 h) ; Il Tornello-Colle Brancia-sommità Cavalbianco (1,30 h) ; sommità Cavalvianco-Passo di Pradarena-Monte Asinara (1 h) ; Monte Asinara-Rifugio Rio Re (1 h) ; Rifugio Rio Re-Ospitaletto (1 h)

Difficoltà: E (E+ il crinale Colle Brancia-Monte Cavalbianco)

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: agosto 2017

Accesso stradale: Reggio Emilia-Castelnovo né Monti-Busana-Ligonchio-Ospitaletto

map (3)Stralcio della mappa dal sito: https://www.openstreetmap.org

 

Descrizione dell’itinerario

Anello completo e di grande interesse paesaggistico/panoramico. Il crinale che unisce il Colle Brancia alla sommità del Monte Cavalbianco è altamente spettacolare ed aereo ma privo di traccie segnate. Anche lo scavalcamento del Monte Asinara avviene fuori dall’ambito dei sentieri segnati (il percorso n°00 lo aggira a sud), tuttavia è consigliabile raggiungerne la cima per il notevole panorama che essa offre.

Parcheggiata l’auto in uno spiazzo sulla sinistra, poco dopo l’inizio del paese di Ospitaletto, si scende brevemente lungo la strada da cui siamo giunti, fino ad incontrare a sinistra l’imbocco del sentiero n° 643 (cartello). Inizialmente si sale a fianco di una casa, penetrando poi nel bosco ed effettuando un ripido obliquo ascendente. Poco dopo si aggira una ripida costa boscosa, oltre la quale si entra nella valletta formata da un rio. Successivamente la traccia piega a sinistra (ad un bivio si ignora un evidente sentiero che prosegue diritto), riconducendo sul dorso della costa di prima. La si risale effettuando alcuni tornanti e, dopo uno spostamento a destra, si riprende la costa in questione continuando a guadagnare quota lungo il suo dorso. Più in alto si piega decisamente a destra, avanzando a mezza costa in direzione del già menzionato rio. Si varca quest’ultimo (guado difficoltoso in caso di acqua abbondante) per poi continuare ancora a mezza costa fino a raggiungere un altro rio che si attraversa. Giunti in prossimità di un terzo ruscello, la traccia svolta repentinamente a sinistra procedendo in obliquo ascendente. Si attraversa nuovamente il rio di prima (il secondo dei due), per poi continuare a salire in moderata pendenza fino a sbucare in una strada asfaltata (paletto con cartelli). La si segue a destra incontrando appena dopo lo sterrato ed avanzando comodamente in piano/falsopiano. Si prosegue lungamente per la bella carraia che, attraversando alcune vallette e coste boscose, conduce, dopo una netta curva verso sinistra e un ultimo tratto in direzione ovest, in località Il Tornello1487 m. Da qui si imbocca a sinistra (cartelli) un sentiero che costituisce la continuazione del percorso CAI n° 643. Si guadagna quota in moderata pendenza, effettuando poco dopo una svolta a destra onde portarsi sul dorso di una costa. Si sale dolcemente in prossimità di quest’ultima, notando poco più avanti alla nostra destra un rio asciutto (in questo tratto è possibile ammirare notevoli esemplari di faggio). Giunti a poca distanza dal menzionato rio, il sentiero segnato piega repentinamente a sinistra e poi a destra, avanzando successivamente in modo lineare e in moderata pendenza. Poco più avanti si varca il rio in questione, effettuando poi una ripida salita oltre la quale si sbuca in un magnifico anfiteatro delimitato ad est dalla dorsale Colle Brancia-Cavalbianco. Al primo bivio si abbandona il percorso segnato, imboccando a destra un’evidente traccia che poco più avanti sale alla sinistra di un solco. Al bivio successivo si svolta a destra, attraversando il menzionato solco e continuando per traccia che procede verso nord. Lambito il limite superiore del bosco, si attraversa una fascia con vegetazione e arbusti, per poi proseguire a mezza costa tagliando ripidi pendii prativi. Si aggira una costa e si continua per sentierino molto panoramico in direzione di un poggio che costituisce il limite settentrionale della dorsale del Cavalbianco. Approdati sul poggetto, si inizia la risalita del crinale per tracciolina poco marcata che in breve conduce al sommo del primo dosso erboso. Il sentiero tende poi a perdersi: è sufficiente mantenersi sul dorso dell’ampio crinale puntando alla vicina sommità del Colle Brancia. Poco più in alto si recupera una traccia che, abbandonando temporaneamente la dorsale principale, si sposta a sinistra conducendo sul dorso di una costa secondaria. Da qui si piega a destra raggiungendo in breve la bellissima cima del Colle Brancia1714 m: di fronte a noi si dilunga l’estetico crinale che percorreremo fino alla sommità del Cavalbianco. Si continua lungo il filo della dorsale, raggiungendo una sella situata sotto un groppo erboso alla cui sommità si approda salendo per traccia ripida lungo il crinale. Dalla cima si scende alla sottostante selletta dove si dilungano due tracce: proseguiamo per quella di destra che asseconda la bellissima ed aerea dorsale. Ad un certo punto il sentiero piega repentinamente a destra onde aggirare un risalto roccioso, per poi proseguire tenendosi per un breve tratto sulla sinistra del crinale. Si risale successivamente l’ultima sezione della dorsale, guadagnando infine la spettacolare sommità del Monte Cavalbianco1855 m. Dalla cima si scende per il frequentato sentiero (segnavia n° 643A) che asseconda il crinale meridionale. Si discende quest’ultimo fino a raggiungere una selletta dominata da un poggetto boscoso. Qui il sentiero piega a sinistra procedendo in leggera discesa all’interno del bosco. Poco più avanti ci si immette nel percorso n° 643, proveniente da Il Tornello, e lo si segue raggiungendo in pochi minuti il Passo di Pradarena1575 m. Dal valico si imbocca a sinistra il sentiero 00, seguendo inizialmente una carraia che si  abbandona quasi subito per sentiero a sinistra. Assecondando quest’ultimo, si guadagna quota piuttosto ripidamente, attraversando per tre volte la carrareccia precedentemente abbandonata. Messo piede per la quarta volta sulla sterrata, la si segue a destra uscendo presto dal bosco (notevole colpo d’occhio sulle Alpi Apuane), giungendo poco dopo ad un bivio dove si svolta repentinamente a sinistra per ampia traccia. Seguendo quest’ultima ci si riavvicina all’ampia dorsale nord-occidentale del Monte Asinara, che si incomincia a risalire mediante sentiero che si stacca a destra una volta giunti ad un grosso blocco di cemento (si tratta del basamento del palo di un vecchio skilift). La traccia guadagna quota per ripidi pendii prativi, conducendo in circa 10 minuti di cammino sulla panoramica sommità del Monte Asinara1731 m. Dalla cima si segue in discesa l’ampia dorsale sud/est, assecondando una traccia che poi tende a perdersi poco prima di giungere al Passo della Comunella1619 m. Dal valico si abbandona il crinale divisorio, imboccando a sinistra l’ampio sentiero n° 639C. Dopo una breve ma ripida discesa all’interno della faggeta, ci si immette in una traccia trasversale (CAI n° 639) che si segue a destra in direzione del Rifugio Rio Re. Si avanza perlopiù in piano, varcando due rii ed aggirando una costa boscosa. Il percorso prosegue a mezza costa tagliando ripidi pendi all’interno di un ambiente boschivo di rara bellezza. Procedendo quasi sempre in piano ed attraversando alcuni ruscelli, si raggiunge infine un bivio (cartelli), dove si prende a sinistra il sentiero n° 639B per il Rifugio Rio Re. La traccia procede inizialmente in leggera discesa, tenendosi costantemente sulla sinistra del dorso di una costa. Poco più avanti, mediante svolta a destra, si valica la menzionata costa e si scende in obliquo tagliando ripidi fianchi boscosi. Penetrati in un rimboschimento a conifere, si inizia a discendere l’erto pendio effettuando numerosi tornanti. Si approda infine nei pressi del Rifugio Rio Re1345 m, da cui si imbocca a sinistra la carraia di accesso. Si effettuano inizialmente un paio di tornanti e si prosegue per la carrozzabile abbandonandola temporaneamente per sentiero a destra. Poco più avanti ci si immette nuovamente nella carrareccia di prima, che si segue in leggera discesa lungo la sponda sinistra orografica della Valle del Rio Re. In circa 30 minuti di cammino dal rifugio, si giunge al bivio con il sentiero n° 637 che si stacca a destra: lo si ignora e si continua per la carrareccia che procede in falsopiano. Mediante curva a sinistra si aggira una costa boscosa, notando appena dopo, ad un bivio, un sentiero che si stacca a destra e che va ignorato. Più avanti si penetra nella valle formata dal Torrente Rossendola: si guada il corso d’acqua e, poco prima di immettersi nella S.P. 18, si imbocca un sentiero a sinistra. Procedendo in costante salita, si raggiungono le prime case di Ospitaletto e, poco più in alto, la provinciale a poca distanza dallo spiazzo dove abbiamo parcheggiato l’auto.

 

 

 

 

 

Tag: , , , , , ,