L’ofiolite di Fioritola, il Monte Silara e il Monte Polo

101_3712 (FILEminimizer)

Punto di partenza/arrivo: Poggio di Berceto, 844 m

Dislivello: 700 m ca.

Durata complessiva: 5,15/5,30 h

Tempi parziali: Poggio di berceto-ofiolite di Fioritola (50 min.) ; ofiolite di Fioritola-Passo del Silara (45 min.) ; Passo del Silara-Monte Silara-Monte Polo (1 h) ; Monte Polo-Maestà di Graiana (35 min.) ; Maestà di Graiana-Poggio di Berceto (2,10 h)

Difficoltà: EE+/F la min-iscalata dell’ofiolite di Fioritola ; EE la traversata del Monte Silara ; E la restante parte dell’itinerario

Attrezzatura: ordinaria da escursionismo

Ultima verifica: maggio 2020

Riferimento bibliografico: Daniele Canossini – LE VALLI DI PARMA E L’ALTA LUNIGIANA – l’Escursionista 2002

Accesso stradale: Parma-Felino-Calestano-Ravarano-Berceto. Si parcheggia l’auto nella parte superiore del paese, denominata Poggio di Berceto

mapwww.openstreetmap.org

Nelle sezioni evidenziate colore arancio il percorso è puramente indicativo

Descrizione dell’itinerario 

Anello di particolare interesse, soprattutto se effettuato con le digressioni suggerite che conferiscono al percorso un senso del tutto particolare e inedito. Si tratta, nello specifico, di compiere una pseudo-scalata onde conquistare la sommità dell’ofiolite di Fioritola. A tal fine, l’autore della relazione ha seguito una linea “sperimentata” alcuni anni fa e relazionata in questo itinerario: Val Baganza: anello delle ofioliti. La scalata, nonostante che la roccia richieda le dovute cautele, è molto facile e anche divertente. Naturalmente, chi non possiede sufficiente sicurezza e autonomia per affrontare passaggi rocciosi senza l’ausilio di alcuna assicurazione, è invitato ad ignorare tale proposta. D’altronde lo scopo di questo blog consiste nel trasporre in relazioni tecniche esperienze molto personali, il cui interesse, forse, non travalica tale sfera individuale al fine di una sua espansione e “pubblicizzazione”. Pur fermamente convinto che tra individuale e sociale debba sempre permanere una netta linea di separazione, ho voluto in questi anni suggerire percorsi molto insoliti, frutto di personali ricerche a cui è legata una dimensione affettiva incomunicabile. Un altro aspetto che caratterizza questo blog è il “ritornare sui propri passi”, ossia il ripetere e rirelazionare – magari in combinazioni o con digressioni differenti – percorsi già descritti. 

Dal Poggio di Berceto si percorre – o ripercorre – la provinciale per Calestano imboccando dopo pochi metri una strada a destra (indicazioni per la passeggiata della pineta e freccia segnaletica del percorso CAI n° 731). Si procede inizialmente in salita attraversando il nucleo di Sighino, iniziando poi iniziare a scendere su sterrata carrozzabile. Si avanza successivamente in piano nella sponda sinistra orografica della valle formata dal Torrente Baganza, ammirando belle visuali. Dopo una netta curva a destra e una discesa si presenta il bivio per Fioritola. Abbandoniamo qui la carrozzabile scendendo a sinistra per ampia carraia che compie quasi subito un tornante sinistrorso. Raggiunto il greto del torrente (interessante ambiente fluviale) occorre effettuare il guado, tenendo presente che dopo forti piogge potrebbe risultare problematico o totalmente precluso. Si asseconda successivamente una carrareccia (cancello da scavalcare) che costituisce l’accesso al nucleo di Fioritola. Si guadagna ripidamente quota per un buon tratto, trascurando ai lati percorsi secondari e ammirando belle visuali sul Monte Cavallo e sulla dorsale Baganza/Manubiola. Terminata la sezione più ripida, si avanza molto più comodamente avvicinandosi alle pareti del versante occidentale dell’ofiolite di Fioritola. L’autore della relazione ha conquistato la cima effettuando una mini-scalata su rocce facili che richiedono le dovute cautele, non risultando tuttavia così friabili come potrebbero apparire a prima vista. Si prosegue, quindi, per l’ampia traccia costeggiando la base della sezione più ripida della parete occidentale dell’ofiolite. Quando il versante diviene più abbordabile, più o meno in corrispondenza del suo margine destro, si abbandona la carraia risalendo inizialmente una piccola ma franosa scarpata. Si avanza per qualche metro in obliquo a destra per poi piegare nettamente a sinistra e progredire, sempre in obliquo, puntando all’appicco terminale a al palo dell’alta tensione che contraddistingue la sommità dell’ofiolite. Superate alcune roccette e una rampa erbosa, si arriva alla base di un canalino che si risale direttamente (I°). Quando quest’ultimo si trasforma in rampa erbosa, si scala a sinistra una costola rocciosa (I°+), oltre la quale si traversa a sinistra per pochi metri. Si segue verso destra una rampa friabile per poi scalare, nel punto più debole, una divertente paretina formata da roccia sostanzialmente buona (forse II°). Messo piede su un terrazzino sotto l’appicco terminale, lo si aggira a destra fin sotto la verticale dello spigolo che costituisce la terminazione destra della cintura rocciosa. Lo si scala superando subito, con un bel passaggio (II°-), un brevissimo muretto verticale, per poi continuare facilmente avendo a destra un canalino. Guadagnata la sommità dell’ofiolite, purtroppo deturpata dal menzionato palo dell’alta tensione, spostandosi a destra ci si immette in una traccia inerbita con la quale si inizia a perdere quota in direzione NE. Ad un certo punto occorre prendere a destra un’ampia traccia intersecando più in basso un altro percorso. Seguendo a destra quest’ultimo si rimette piede nella carrareccia abbandonata in precedenza al fine di conquistare la cima dell’ofiolite. Si segue questo tracciato a sinistra in lieve salita, costeggiando inizialmente i prati della proprietà di Fioritola. Successivamente si taglia il metanodotto (gabbiotto con impianto) e si continua a progredire ancora per un tratto verso SE. Cambiata, mediante tornante sinistrorso, direzione (N/NE), si prosegue per il comodo percorso tagliando nuovamente la pista del metanodotto e sottopassando alcune linee elettriche. Dopo una svolta a destra, una salita e un paio di tornanti, si sbuca nella SP 74 per il Passo del Silara. La si segue a destra solo per poco abbandonandola appena prima della pista del metanodotto. Guardando a sinistra si dovrebbe individuare una traccia inizialmente molto poco marcata ma in seguito più evidente anche se invasa da vegetazione e arbusti. Si procede in lieve salita all’interno di una bella faggeta, piegando successivamente a destra. Messo piede nella pista del metanodotto, la si segue a sinistra inserendosi nella strada asfaltata abbandonata in precedenza. Seguendo quest’ultima si arriva in meno di dieci minuti al Passo del Silara, 1200 m. Proprio in corrispondenza di una carraia che si stacca a sinistra (percorso CAI n° 741) e di una curiosa costruzione con torretta che l’affianca, si prende, sempre a sinistra, un sentiero che sale costeggiando un masso di serpentinite. Poi, sottopassato l’elettrodotto, si avanza tra radure arbustive incontrando e sottopassando un’ulteriore linea elettrica. Attraversata una carraia, si procede per labili tracce in direzione delle rocce ofiolitiche del Monte Silara. Si guadagna quota piuttosto ripidamente e ad un certo punto si piega a destra onde portarsi sotto la sezione rocciosa che presenta una maggiore continuità (ambiente spettacolare!). Si possono scalare direttamente queste rocce (possibili passaggi di I°/II°-), prestando attenzione alla loro friabilità, oppure aggirarle. Ammirando bizzarre conformazioni rocciose, si guadagna infine la magnifica cima dell’ofiolite, caratterizzata da una piccola croce e da un vasto panorama sulla Val Parma. Dalla vetta si scende ripidamente per il versante opposto, aggirando a destra dei verticali spuntoni e gustando la bellezza di un ambiente vergine di grande preziosità. Scendendo successivamente verso sinistra, si entra in una fascia boscosa oltre la quale si raggiunge un ripiano. Da qui, puntando ad un paletto con segnavia del CAI, ci si sposta a sinistra trascurando una traccia che si stacca in questa direzione e che procede in piano. Si sale per sentiero avendo a destra il tracciato del metanodotto, per poi virare a destra e attraversarlo. Si prosegue costeggiandolo per un tratto, continuando poi all’interno della faggeta per ottimo sentiero che procede in lieve/moderata pendenza effettuando alcune svolte. Contornato il margine superiore di panoramiche radure arbustive, si riprende a salire piuttosto ripidamente fino ad approdare sul crinale divisorio purtroppo sfregiato dallo sciagurato metanodotto. Si piega a destra e si percorre la stupenda dorsale ammirando visuali assolutamente grandiose. Dopo aver costeggiato alcune macchie di bosco, si approda sulla poco accennata cima del Monte Polo, 1419 m, riconoscibile da una targhetta apposta sul tronco di un bell’esemplare di faggio. Dalla sommità si continua assecondando il crinale spartiacque, notando poco più avanti una freccia segnaletica con scritto “Croce -cippo serg. magg. pilota Silvio Belfanti”. Volendo fare questa digressione, ci si inoltra nel bosco e si scende orientandosi con segnavia rossi. Sbucati in una radura arbustiva (splendide fioriture di orchidee nella stagione primaverile), si perde ancora qualche metro di quota, notando sulla destra, in corrispondenza del limite del bosco, la croce a ricordo di Silvio Bonfanti. Rientrati nel percorso principale, si prosegue in direzione della sommità del Monte Barcone assecondando giocoforza il tracciato del metanodotto. Nel momento in cui inizia la salita, si prende a destra un sentiero (segnavia) che procede all’interno del bosco parallelamente al metanodotto. Dopo aver tagliato in obliquo ascendente un panoramico pendio di arenarie, si rimette piede nella pista del metanodotto poco sotto la sommità del Monte Barcone. Si perde quota lungo il crinale divisorio, ma ad un certo punto si abbandona il tracciato del metanodotto scendendo parallelamente e a sinistra di quest’ultimo. Lambita nuovamente l’inestetica pista, si rientra presto nella faggeta perdendo quota per traccia che presenta interessanti stratificazioni arenacee. Dopo aver costeggiato per un brevissimo tratto il metanodotto, si penetra nuovamente nel bosco e dopo una discesa si sbuca in un’ampia radura arbustiva. La si attraversa verso sinistra fino ad immettersi nella carraia che conduce a Case Pra Berto. Assecondando il tracciato a destra si raggiunge in breve l’edicola votiva con bassorilievo in marmo della Maestà di Graiana, 1298 m, situata sotto l’omonimo ammasso ofiolitico. Da questo importante e storico valico di crinale, punto di comunicazione tra la Val Baganza e la Val Parma, si riprende la carraia di prima e la si segue in lieve discesa senza incontrare bivi. Il tracciato purtroppo è percorso da fuoristrada, di conseguenza è alquanto martoriato da profondi solchi e ampie pozzanghere, presentandosi spesso infangato. Dopo una discesa più accentuata e una curva a destra, si esce temporaneamente dal bosco attraversando una radura con arbusti. Rientrati nella copertura boscosa, si continua per l’ampia mulattiera/carraia che presenta altre sezioni alquanto infangate, notando più avanti una traccia che si innesta nella nostra da sinistra. Il percorso, che nel tratto successivo viene affiancato da una recinzione, continua a progredire in lieve discesa e non presenta bivi che possono trarre in errore. Dopo una svolta a sinistra si iniziano a costeggiare dall’alto, all’interno del bosco, delle radure. In seguito si attraversa il margine inferiore di un’area disboscata e, rientrati nel bosco, si continua per il percorso principale sempre affiancato dal filo spinato di prima nonché da vecchi muretti a secco che fanno intuire la sua storicità. Raggiunto il primo bivio degno di nota (sarebbe più corretto parlare di un trivio), posto in corrispondenza di una Maestà a sinistra e nei pressi di un rottame d’auto a destra, si prosegue per il percorso di centro compiendo subito una svolta a sinistra. Guadato il Rio del Coduro, si compie una svolta a sinistra che precede l’attraversamento del Rio di Costalunga. Più avanti si costeggiano ampie radure, prima dall’alto all’interno del bosco, poi, per un breve tratto, direttamente. Giunti ad un bivio, ci si immette in un’ampia traccia che si segue a destra perdendo quota abbastanza ripidamente, effettuando alcune svolte. Dopo un tratto cementato si raggiunge un cancello che si oltrepassa scomodamente, sbucando più avanti in una stradina asfaltata. Seguendo a sinistra quest’ultima ci si avvicina e infine si attraversa il nucleo di Case Pra Berto, 858 m. Immessosi nella SP 74, la si segue a destra in direzione di Berceto, confluendo in seguito nella SP 15. Dopo l’attraversamento del ponte sul Torrente Baganza, si nota a sinistra un viottolo cementato: lo si imbocca e giunti in prossimità di una radura si prende a destra un’altra traccia. Quest’ultima, procedendo in salita, effettua poi una curva a sinistra, conducendo in una radura attraversata da una linea elettrica. Si risalgono i prati per traccia appena accennata, sbucando infine nella strada Poggio di Berceto-ponte sul Baganza nei pressi di Sighino. 

VERSIONE STAMPABILE (PDF)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...